2a tappa deviazione 1: dalle cave di Poggio Moiano all’Abbazia di Farfa

DEVIAZIONE PER FARFA DALLE CAVE DI POGGIO MOIANO ALL'ABBAZIA DI FARFA

Dalle cave di Poggio Moiano all'Abbazia di Farfa

Partenza:
Poggio Moiano
Arrivo:
Abbazia di Farfa

Difficoltà:
media
Lunghezza totale:
21 km

Tempo di percorrenza:
4h 30 m

Aumento di quota:
+ 240 m
Perdita di quota:
- 130 m

Fondo stradale:
strada bianca-sentiero-asfalto
Segnaletica:
sì (segnali del CAI (bianco-rosso) e i segnali verticali (bianco-rosso con Tau nero su fondo giallo)

s

Descrizione percorso:
La strada attraverso "La Piana" termina alle pendici del Monte Calvo, in corrispondenza del Vocabolo Pratolungo. Qui il tracciato si biforca: in direzione Sud si sale verso Santo Paolo Alto, proseguendo il cammino verso Ponticelli; in direzione Nord si va verso Farfa. Dopo circa 1,6 Km di strada brecciosa, si gira a sinistra (verso Ovest) su Via delle Cave fino al termine della strada e si arriva in Località Osteria Nuova. Attraversato il ponte sulla SS4 "Salaria", si prosegue per circa 400 m sulla Via Mirtense e poi, all'altezza della chiesa e della "Grotta dei Massacci", monumentale tomba risalente al II sec inglobata in un casale, si svolta a sinistra e si percorre per circa 1,8 Km la stradina sterrata/asfaltata che corre quasi parallela alla statale fino a incrociarla all'altezza di un piccolo gruppo di case. Si prosegue lungo un'altra stradina sul lato Sud che corre anch'essa quasi parallelamente alla statale, fino a un sottopassaggio che ci riporta sul lato Nord, immettendosi poi su Via Archipiglione. La imbocchiamo svoltando a sinistra (verso Ovest) percorrendola per circa 4 Km, con il nome di Strada Comunale Carlo Corso fino alla corrispondenza con la Strada Provinciale Farfense nel borgo medievale di Toffia. Si svolta a destra verso il centro storico e subito prima dell'arco di ingresso dentro le mura, si svolta a destra in Via Giacomo Matteotti. La strada scende ripida verso la Strada Comunale Farfense sulla quale ci si immette girando a sinistra (verso Ovest). Si scende ancora fino al fondo della valletta e si attraversa il ponte, proseguendo sul lato opposto del torrentello, lungo la stradina che segue più o meno il percorso della piccola gola. Si passa poi accanto a un campo di calcio, da lasciare alla propria sinistra. Dopo un breve tratto tra gli alberi, la stradina attraversa un campo aperto dove si impone alla vista la suggestiva Abbazia di Farfa, tra i più importanti santuari benedettini d'Italia e d'Europa e tappa della Via Benedicti (www.viabenedicti.it), su un poggio tra le colline a sinistra. Dopo poco si incontra nuovamente il torrentello, che scorre attraverso la pianura praticamente a livello della stradina: lo si può guadare oppure scavalcare grazie a un piccolo ponte in ferro. Si sale ora per l'ultimo tratto di strada che conduce nel borgo di Farfa.
Fonti: 




Tappe Intermedie: 



Consigli: 

Da vedere

Santuario della Verna